Le biografie impossibili – Sarah Palin

7 Ott

Sarah Palin è nata in Idaho nel 1964. È figlia di due hippy che si incontrarono occasionalmente a San Francisco. Appena la madre scoprì di essere incinta, come nella pubblicità della Tim, mandò un messaggio a tutti i presunti padri (ma con i piccioni) senza capire bene chi fosse il responsabile. Si trasferì così nell’Idaho dove partorì in una capanna grazie all’aiuto di un passante, tale Joseph, che poi divenne il padre putativo della neonata, che nacque già con i capelli pettinati a banana e venne riscaldata da un toro e da Varenne. La madre chiamò la bambina Ariel Snowphish, ovviamente senza cognome. Ma Ariel non sopportava né il nome né gli orribili haiku che la mamma le recitava per farla addormentare, come quello famosissimo: Disse la vacca al mulo: “Oggi ti puzza il culo”. Rispose il mulo alla vacca: “Ho appena fatto la cacca”.

La legge del contrappasso si cominciò ad abbattere sulla povera donna figlia dei fiori che vide sua figlia crescere fanatica delle armi come il padre adottivo che la portava a caccia di alci, a pesca, e la iniziò al gioco del basket in cui la giovane eccelleva guadagnandosi il soprannome di “Barracuda” o anche “Il Gattuso delle nevi” dopo il trasferimento in Alaska, dove partecipò anche a vari concorsi di bellezza. Qui Ariel cambiò finalmente il suo nome, si sposò con Fessacchiotto-Todd Palin dopo una fuitina e cominciò la carriera politica. Rinnegò la madre hippy e tutti i suoi valori, si convertì al culto di Marte, infatti è quello il Dio di cui parla quando chiede alla gente di pregare per i soldati in Iraq e per il nuovo gasdotto da trenta miliardi di dollari.  Sarah e Todd si sono accoppiati in tutto cinque volte e cinque sono i figli che hanno avuto. Questo perché Todd sarà pure fessacchiotto ma è un colpo una tacca… I Green Day si riferiscono a lei in Basket case quando parlano della carenza di sesso e della necessità di uno psicologo. Sarah ha educato i suoi figli secondo i valori della castità e del rigore morale. Il più grande Track, dopo aver provato un po’ tutti gli stupefacenti di questo mondo, ha detto un giorno “Piuttosto che vederti ancora me ne andrei in Iraq” e ovviamente è stato preso in parola dalla madre. Bristol, quella che adesso è incinta, in realtà è calva perché Sarah le ha strappato tutti i capelli quando ha trovato il test di gravidanza positivo, mentre Levi, il responsabile de ’o guaio è stato lobotomizzato e ora è un ebete che agisce solo su comando della Palin.
Sarah, soprattutto da quando  candidata alla vicepresidenza degli Stati Uniti, ama sentirsi definire la “pitbull col rossetto”, ma in realtà il rossetto non lo mette, e nemmeno il mascara e tutto il resto. Ha preferito tatuarsi il trucco in faccia onde evitare di perdere tempo la mattina. Tra la pesca col marito, la caccia alla alci, lo stare dietro ai figli (che a quanto pare è la cosa che le viene peggio) e la carriera politica, dove trova dieci minuti per truccarsi? Anche i capelli sono sempre così perché, come abbiamo detto, è già nata con la banana incorporata e non ha bisogno di lacca. Non ha viaggiato molto nella sua vita, ma sogna di venire a Roma a trovare il papa con cui condivide molti interessi e già a distanza fanno a gara a chi la spara più grossa sui contraccettivi.  Un povero dannato un giorno le ha urlato contro dicendo che è una donna retrograda e codina e lei gli ha aizzato contro mezzo esercito, ma non per le cose che aveva detto, bensì per il tono scortese. L’uomo ha chiesto scusa e si è convertito al palinismo, offrendosi come trivellatore volontario per la ricerca del petrolio in Alaska. Il programma preferito di Sarah è “Una donna alla Casa Bianca”, la serie tv con Geena Davis. Il suo sogno segreto è quello di rivivere le stesse avventure di Mackenzie Allen e magari fare la guerra pure a quei rompi dei russi, tanto McCain ha 72 anni ed è chiaramente provato dalle ferite di guerra, nun gliela fa, nun gliela fa…

Kisses,
Mary Joanna

L'allegra famigliola Palin

L'allegra famigliola Palin

Annunci

3 Risposte to “Le biografie impossibili – Sarah Palin”

  1. lafilledepoche 07/10/08 a 23:45 #

    in cortile non si parla che di barack obama…

  2. bradipina 08/10/08 a 23:58 #

    E si sparla di Sarah…

  3. Johne827 31/08/14 a 13:07 #

    Usually I do not read writeup on blogs, nevertheless I wish to say that this writeup extremely forced me to take a look at and do so! Your writing taste has been amazed me. Thanks, really wonderful post. dabgeaccgdda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: