Il compare de la fille de poche: Ali Baddou

5 Apr

Se è da mesi che la mia collega vuole eleggere i suoi compari, io posso dire di essere stata spesso incompresa… Una volta no perché è troppo vecchio, come se uno come Lambert Wilson si possa definire vecchio, uno come lui che è come se vivesse nella quinta stagione di Lost. Un’altra volta no perché è troppo giovane e allora mi chiedo c’è forse un’età standard? E poi perché non possono essere tutti francesi? Comunque, bando alle ciance ed ecco a voi il mio compare. Ali Baddou è un giornalista francese di origine marocchina e lo so utente medio del web il suo nome fa ridere, ma resta comunque la testa pensante del panorama audiovisuale francese. E non sono io a definirlo così, nato nel 1974 nella Parigi bobo è figlio di diplomatici marocchini trasferiti nella terra del camembert, qui ha trovato l’America. Già perché questo professore di filosofia presso la facoltà di Scienze Politiche è l’ex fidanzato di Mazarine Pingeot, niente poco di meno che la figlia di François Mitterand. I maligni credono che lui oggi sia qualcuno solo per aver condiviso dei bei momenti con la figlia (sconosciuta) di Mitterand. La fille non crede che sia così, come Nino de La leva calcistica del ’68 Ali si farà anche se ha le spalle strette. Ha iniziato insegnando nei licei, ora io dico quando mai in Italia ci sono questi insegnanti, con uno così sarei andata volontaria sulla Critica della Ragion Pura di Kant e non me la sarei mai giocata (calabrian for marinare la scuola).  Archiviato l’insegnamento – anche se lui ama  ancora definirsi insegnante – nel 2005 inizia a fare tv e con quel faccino lì c’è da chiedersi perché non lo abbiano notato prima. Ecco che di lì a poco inizia a condurre Les Matins de France Culture per essere sempre bello e pimpante dalle 7 alle 9 del mattino il nostro eroe si sveglia alle 4 del mattino, come dire… come essere sexy anche se si va a letto dopo Carosello.  Non finisce qui, eccolo che si prepara per parlare di libri nello splendido contenitore informativo francese Le Grand Journal un programma meraviglioso che in Italia ce lo sogniamo, in cui condivide l’attenzione del pubblico femminile con il nostro amato Yann Barthès. Programma in cui commenta il libro del giorno  e in cui è vittima degli scherzi da camerata di Yann & co. Come quando in un video Yannino sostiene che è superdotato o come quando il suo collega di merende Mouloud sostiene che un perizoma viola è di Ali. Povero piccolo Ali  vittima di ogni tipo di sopruso. Al Grand Journal partecipa anche alla sigla una sorta di “coming up” versione francese (tout de suite)  in cui tutto il cast fa di tutto per rendersi ridicolo, tutti eccetto lui che con il suo sorriso accieca più del pannello bianco dietro… Ah, che bell’uomo! Dice che la sua maggiore paura sia di essere considerato un codardo, ma lo preferisco quando si gode un chupa-chups durante una riunione di redazione. Come dire Philippe Daverio incontra Luca Argentero che incontra Chuck. Non è solo questo, ormai non c’è media che lo nasconda se arrivi su feisbuc sei arrivato e bene Ali lì ha un po’ di gruppi a lui dedicati, alcuni contro di lui e non si capisce davvero il perché. Fra questi spicca il meraviglioso Ali Baddou è definitivamente sexy o Ali Baddou è l’uomo smart del XXI secolo. Lui che alla domanda chi sono i tuoi eroi cita nell’ordine: Batman, Spiderman e Superman. Lui che ama leggere J.D. Salinger e ascolta Schubert e i Coldplay, che beve Coca Cola light… ma io dico quanto è figo quest’uomo??? Ecco a voi qualche immagine senza dimenticare che la foto più bella è stata prestata al post della guerra dei compari.

Ali in versione lupo grigio

Ali in versione lupo grigio

Ali guarda il mondo da un oblò, ma senza annoiarsi

Ali guarda il mondo da un oblò, ma senza annoiarsi

Eccolo a commentare un libro al Grand Journal versione barbetta incolta

Perché è il compare della settimana? Perché dove lo trovate uno così!? Una sorta di Clark Kent 2.0, la mattina si occupa di cultura per una radio nazionale, il pomeriggio insegna filosofia e in preserale parla di libri alla tv, dove lo trovate un concentrato di cultura così sexy? Un po’ come se Umberto Eco incontrasse Fabrizio Corona depurato dalla sua aria di bullo.

Come dire… Vota Ali! Vota Ali! Vota Ali! Vota Ali! Vooooota Ali!

Culturalmente vosta,
Maria Rachida

2 Risposte to “Il compare de la fille de poche: Ali Baddou”

Trackbacks/Pingbacks

  1. La guerra dei compari: Matteo Bordone vs Ali Baddou « Le Commari - 05/04/09

    […] qui sotto. la fille de poche ha scelto per l’ennesima volta un compare francese, Ali Baddou, qui vi spiega il motivo e se lo preferite votatelo. La cosa più assurda è che abbiamo scoperto che i […]

  2. Cinque giornalisti francesi più fighi di Romain Dauriac | Le Commari - 15/04/13

    […] posto per il nostro compare Ali Baddou, ex professore universitario, ex della figlia di Mitterand, ex consigliere del ministro […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: