Archivio | luglio, 2010

Cameriere, un Tantum Rosa con ghiaccio, please

29 Lug

Il cocktail dell'estate: Tantum Rosa On The Rocks

C’è una cosa che i copywriter e gli art director delle agenzie pubblicitarie devono tenere bene a mente quando mettono giù un concept per uno spot televisivo: il pubblico del tubo catodico è fondamentalmente deficiente, quindi è meglio spiegare bene le cose, magari ricorrendo anche ai disegnini esplicativi con tanto di didascalia. Solo così si può evitare di sentire storie come quella che è stata resa nota in questi giorni sull’intossicazione da Tantum Rosa.
Circa una cinquantina di donne ha scambiato la lavanda per la Jolanda (come direbbe la commare Littizzetto) per un collutorio e l’ha ingerita. Siamo certe che quelle furbacchione che hanno commesso questo errore sono le stesse che guardano Uomini e Donne e pensano che sia tutto vero.
Certo, anche quei geniacci della Angelini (che noi odiamo da qualche mese e auguriamo loro di fallire) avrebbero potuto almeno sforzarsi un po’ di più per trovare un nome al prodotto che non faccia pensare al Tantum Verde per la famiglia Boccasana e al Moment Rosa messi insieme, facendo sembrare la lavanda un magico cocktail per la Figasana… Essendo in bustine è facile pensare che sia da ingerire, anche perché dubitiamo che gente che riesce a essere fan di Costantino & Co. e a sorbirsi le storie raccontate da Barbara D’Urso sia pure capace di comprendere il significato di parole come “soluzione cutanea” e “genitali esterni”.
Peraltro abbiamo saputo che mischiando il Tantum Rosa con l’alcool (magari un Martini Rosato) si ottiene una bibita da sballo, perché grazie alla benzidamina si diventa euforiche (don’t try this at home!!!). Pazienza se poi si va in bagno a vomitare l’anima o si fa una corsetta al pronto soccorso per una lavanda sì, ma ‘stavolta gastrica!

Con stupore,
la vostra Maria Maddai!

Annunci

Sara Carbonero a Mediaset Premium – Potere alla figa, soprattutto se straniera

27 Lug

Questa volta non possiamo dire che nei programmi tv di Mediaset dedicati al calcio c’è la solita inutile smutandata che non sa un tubo di schemi e fuorigioco. No, perché si sono almeno sforzati di prendere una giornalista vera, una che ha fatto tanto parlare di sé durante i Mondiali, quella che noi abbiamo definito la Wag privilegiata: Sara Carbonero, la futura moglie di Iker Casillas, che a 26 anni è già vicedirettrice della sezione sportiva di Telecinco. Mediaset, avendo già una puledra del genere nella sua scuderia, non poteva fare a meno di ricicciarla fuori anche in Italia e la terrà come corrispondente da Madrid, per seguire meglio cosa fa quel galantuomo di Mourinho. E allora perché non ingaggiamo anche una che stia appresso a Mancini e Ancelotti in Inghilterra? Che bisogno c’era?! E soprattutto, se non fosse stata figa a Mediaset Italia gliene sarebbe importato qualcosa o avrebbe fatto commentare le partite del Real Madrid come al solito da uno dei cronisti rinchiusi negli studioli di Cologno Monzese? Peraltro i maschi che comandano le tv italiane confermano la loro passione per le straniere, non fa niente se hanno un accento marcato, tanto mica stanno a sentire cosa dicono, l’importante è quello che fanno vedere…
Una cosa è certa, questa Sara Carbonero ha una fortuna sfacciata. Prima di tutto perché è nata in Spagna, dove a quanto pare c’è un po’ meno maschilismo di quanto ce ne sia qua da noi (quando mai in Italia una 26enne diventa vicedirettrice di una delle più importanti testate sportive nazionali?!), poi perché ha rimorchiato quel gran pezzo di figliuolo di Iker Casillas e poi perché ha pure avuto la possibilità di viversi un Mondiale da fidanzata del capitano e inviata della squadra che alla fine ha trionfato. Ha tutta la stima (ma soprattutto l’invidia) delle commari!!!

Il Compar-agone: Cory Monteith/Finn Hudson – Matthew Morrison/Will Schuester – Jonathan Groff/Jesse St. James, i belli di Glee

25 Lug

Il Compar-agone, come si può intuire, è un paragone tra compari che sono collegati tra loro. Per il debutto di questa rubrica abbiamo scelto i tre più belli, a nostro parere, della serie tv più amata degli ultimi tempi, Glee.
Li mettiamo a confronto con foto e video, ma è bene sapere che la commare che scrive è terribilmente di parte. Per chi batte il suo cuore sarà facile capirlo dalla quantità di foto dello stesso compare.
Allora, comincio scusandomi con le fan di Puckerman/Mark Salling, ma non è il mio tipo, anche se la fille de poche è convinta che senza la cresta piacerebbe anche a me.
Chi, invece, è terribilmente il mio tipo è Finn Hudson/Cory Monteith. Nonostante quando balla sia terribilmente scoordinato e il soprannome Frankenteen affibiatogli dal creatore della serie Ryan Murphy sia azzeccatissimo, non si può fare a meno di sbavare per questo omone con la faccia da bambino. Credibilissimo nella parte del 16enne, Cory ha invece 28 anni e una voce da cantante delle boyband con cui le commari sono cresciute.
Ammiriamolo nelle foto qui di seguito e nel video in cui canta Hello, I Love you dei Doors.

Come si fa a non amarlo? Dà pure da mangiare ai gattini!

Cory in cappotto e bradi sbava...

Cory/Finn con la commare Jane Lynch/Sue Sylvester

Passiamo al secondo compare del Compar-agone: si tratta del professore che tutte noi vorremmo, Will Schuester/Matthew Morrison. Con i suoi riccioli (notare bene, anche le ciglia sono ricce!), al contrario di Cory/Finn, ci piace soprattutto quando balla, anche se il sospetto sulla sua gayezza è molto, moooolto forte. Sebbene lui continui a negare, sappiamo che ci sono decine di ragazzi a Los Angeles pronti a giurare di essere stati con lui e la foto che vedete sotto fa aumentare i dubbi. Ma godiamocelo quando balla e canta, che è meglio.

Prof Shue, che dobbiamo pensare?!

In questo video canta con Leona Lewis

Ma per godere di tutto il suo splendore dovete guardare il video seguendo il link qui sotto.

Infine, ecco il “disturbatore” Jesse St. James/Jonathan Groff. Su di lui, invece, non c’è alcun dubbio: è gay dichiarato. Chi se ne frega, guardatelo soprattutto in video, è bellissimo e anche molto sexy.

Lui viene molto meglio in video

Ecco la prova: questo è il momento in cui Rachel Berry/Lea Michele si innamora di lui… e noi con lei…

Con spirito canterino,
la vostra commare Gleek Maria Lea.

Premi speciali Mondiali 2010

18 Lug

A una settimana dalla fine dei Mondiali, le Commari si apprestano a tornare nelle loro vesti consuete, abbandonando la lunga parentesi calcistica, non prima però di aver assegnato i loro personali premi ai protagonisti della competizione svoltasi in Sudafrica.

Partiamo con il PREMIO VUVUZELA all’opinionista più fastidioso: dopo un lungo testa a testa con Salvatore Bagni alla fine l’ha spuntata lui, Fulvio Collovati, simpatico come una biscia nelle mutande, gentile come un bue affamato. E non abbiamo capito ancora cosa cacchio gli ha fatto Tombolini.

Sempre rimanendo nell’ambito delle trasmissioni sportive, assegniamo il PREMIO MAI PIÙ VE PREGO alla cosiddetta “strana coppia” composta da Giampiero Galeazzi e Maurizio Costanzo, che ha trasformato Notti Mondiali in un vero e proprio incubo.

PREMIO SOPRAMMOBILE a Linda Sataguida, di cui ci devono ancora spiegare l’utilità.

PREMIO DIVINO OTELMA al vero protagonista di questi Mondiali: il polpo Paul, che in realtà ne azzecca molte di più di quante ne abbia mai indivinate nella sua vita lo pseudo-mago a cui abbiamo intitolato il premio (alla fine ne viene fuori una specie di Davy Jones dei Pirati dei Caraibi…).

PREMIO BELFAGOR alla coppia Balotelli-Cassano, perché il loro fantasma aleggiava intorno al crapino di Lippi.


PREMIO GIUSTIZIA DIVINA alla Francia, perché il fatto di essere arrivati ai Mondiali grazie a quel gol di mano di Henry contro la povera Irlanda di Trapattoni è stato bilanciato da una emerita figura di merda.


PREMIO IMBRUTTIMENTO PRECOCE a John Heitinga dell’Olanda, perché una volta era caruccio, ma rivedendolo in questo mondiale non eravamo nemmeno più certe che fosse lo stesso calciatore.

PREMIO ALL’ELEGANZA a chi se non a David Beckham? Però solo perché facciamo finta di non vedere i tatuaggi.

PREMIO PRINCIPE AZZURRO, scontatissimo, all’adorabile Iker Casillas

con coseguente PREMIO SIAMO LA COPP(I)A più bella DEL MONDO a Casillas e Sara Carbonero.

Con affetto dalle vostre Commari (per l’ultima volta) Mondiali.

Le 11 meraviglie di zia Winnie, i compari da tenere d’occhio

14 Lug

Zia Winnie ci teneva, ci ha detto più volte: “Prima che io me ne vada, devo darvi i miei 11 nomi, la mia personale formazione, gli 11 più belli in cui mi sono imbattuta in questo mese in Sud Africa”. E freschi freschi ecco gli 11 che hanno stregato la Winnie.

Al primo posto, la nostra più gradita scoperta: Carlos Bocanegra, il capitano degli Stati Uniti, un bello che fa male potremmo dire. Ve lo lasciamo in un’inedita versione geek, nel senso che bisogna dare una speranza a tutti… capisciambeeeee

Se lui prima era così…

Bocanegra 1997

e poi è diventato così….

2. Íker Casillas, il principe azzurro che ogni commare sogna, anche soprattutto dopo il bacio che ha dato alla Carbonero. Già nel 2006 lo definimmo “Bello, anche pagando”, nel senso che si farebbe di tutto per stare con lui… beh, dopo quattro anni non abbiamo assolutamente cambiato idea e zia Winnie ci ha dato ragione.

Iker mangia

3. Robin van Persie

Robin van Persie, il premio Vaff... va a te (c'ha già famiglia...)

4. Jesús Navas

5. Gareth Barry, Inghilterra

Gareth si applaude

6. Fernando Llorente, Spagna

Fernando ❤

7. Arne Friedrich, Germania

Arne Friedrich, il ciellino carino

8. Yoann Gourcuff, Francia

Yoann, mon dieu

9. Xabi Alonso, Spagna

¡Guapooooo!

10.  Álvaro Arbeloa, Spagna

La soddisfazione di Arbeloa per essere entrato nelle grazie della Winnie

11. Gonzalo Higuaín, Argentina

Higuaín, secondo argentino del nostro cuore

Ma non sostituirà mai nei nostri cuori, il Payasito (Pablo Aimar)

Payasito, te extrañamos

In attesa dei premi vi lasciamo,

le eredi di zia Winnie

Il bacio in diretta di Iker Casillas a Sara Carbonero

12 Lug

Ma che cariiiiniiii!!! Potremmo dire Sara Carbonero sei tutte noi, nel senso che ognuna di noi vorrebbe essere Sara Carbonero… Iker Casillas, che oltre ad essere uno dei portiere più forti del mondo (lo è stato senza discussioni nel 2008 e continua a difendersi bene), è anche uno dei più belli, commosso, dedica la Coppa del Mondo ai tifosi, alla sua famiglia e a Sara, suggellando la dedica con un bacio in diretta. E ora in Spagna, ci scommettiamo, diventeranno la coppia più amata, anche più dei reali. Da oggi e per quattro anni sono re del mondo…

Reyes del Mundo

12 Lug

Come titolammo due anni fa, ci basta sostituire la parola Europa con “Mundo” e il gioco è fatto: Spagna campione del mondo, portata in cielo da Iniesta (come ha prontamente titolato Marca).
Hanno cominciato da favoriti, hanno stupito con la sconfitta subita contro la Svizzera, ma solo con quella.
E la Carbonero ci diventa automaticamente Wag numero uno e non solo privilegiata.
Adesso fiestaaaa!!!