Pippo Baudo e i segnali divini non colti…

29 Set

Insultatemi, linciatemi, seppellitemi viva, ma io questa cosa la devo proprio dire: Pippo Baudo & company mi avete rotto le palle! Questi vecchi in età da pensione (da circa un decennio…) che vogliono continuare a lavorare in tv (o dovunque sia) e che si lamentano dicendo che se non lavorano stanno male mi hanno fracassato le scatole.

Lo sanno, i vecchiacci, che c’è gente che se non lavora sta male davvero ma semplicemente perché non può permettersi nemmeno di mangiare o di pagare le bollette (peraltro sempre più care)? Lo sanno questi tizi che hanno guadagnato montagne di soldi facendo un lavoro che non si può nemmeno definire tale (altrimenti non vorrebbero farlo fino alla morte) che ai giovani viene chiesto di fare gli stagisti fino a 30 anni perché loro non vogliono liberare le poltrone?

Questi 75enni (a proposito, aguri Silvio…)* che PRETENDONO di lavorare vengono pure difesi e adulati da destra e da manca, elemosinano un programma in tv come se fosse un loro diritto inalienabile condurlo. Ma perché nessuno dice niente? Perché nessuno ammette che se i contratti non vengono GIUSTAMENTE rinnovati (io odio la Rai, ma su questo ha ragione) è perché hanno ormai fatto il loro tempo, perché non hanno più idee, perché, semplicemente, sono VECCHI!!! La dura legge della natura perché deve valere per tutti e tutto tranne che per questi qui baciati dalla celebrità o dal potere?
Tra l’altro Pippo Baudo, come Mike Bongiorno, non è che abbia avuto chissà quale talento straordinario anche da giovane. Entrambi hanno solo avuto tanta fortuna e la capacità di rendersi ridicoli e di diventare dei “personaggi” spesso presi in giro. Poi improvvisamente invecchiano o muoiono e sono tutti lì a leccargli i piedi. Anche Fiorello continua a difenderli, ma secondo me lo fa per riconoscenza e per amicizia, visto che lui invece, che a differenza loro è dotato di un talento straordinario, è capace di farsi da parte per non stancare il pubblico ed è capace di reinventarsi ogni volta, di adattarsi alle novità e di sfruttarle (pensate a come sta usando ora Twitter, è un genio).

Lo so che sembro cattiva, che molti mi riempiranno di insulti, ma io dico solo di DARE UN NOME ALLE COSE: se uno ha 75 anni è vecchio (e non è una brutta parola, ma ha un significato ben preciso) e deve avere il pudore e la decenza di mettersi da parte o di rendersi utile in atri modi, soprattutto se realmente non ha più nulla da offrire.

Mike Bongiorno fino alla fine ha voluto lavorare, eppure io, lo dico e non lo nego, lo trovavo assolutamente insopportabile già da un po’ (se mi succede qualcosa in questi giorni date la colpa al suo fantasma…) e lo stesso penso di Pippo Baudo, che in questi giorni è finito all’ospedale per un lieve malore. Non vorrei che fosse un avvertimento divino**.
Caro Pippo, trovati un hobby come hanno fatto i nostri nonni che invece, al contrario di te, essendosi spaccati la schiena non vedevano l’ora di andare in pensione, e soprattutto rispetta gli altri, i giovani, quelli che fanno gavetta da anni, quelli che non possono avere nemmeno un centesimo di quello che hai avuto tu. Lo stesso dicasi per Maurizio Costanzo e tutti quelli come lui.
Tra l’altro vorrei far notare che a rompere i coglioni fino a che il Padreterno non li richiama sono soprattutto i maschi, perché le donne del mondo dello spettacolo appena spunta qualche ruga vengono messe da parte, mentre gli uomini pur diventando inguardabili o non riuscendo quasi ad articolare una parola (tipo Costanzo) restano lì. Ma dico, almeno accontentatevi di fare i consulenti, di stare dietro le quinte, invece no, rimanete vittime delle vostre manie di protagonismo e poi ve la prendete pure se non vi rinnovano i contratti.
Tutto deve avere una fine, abbiate la dignità e la saggezza di dire basta.

*tutto questo discorso ovviamente vale anche (e soprattutto!!!) per lui
**Sarà un caso che se cerchi “Pippo Baudo” su Google il primo suggerimento è “Pippo Baudo morto”? Ricordiamoci che oggi Google è Dio…

La vostra incazzatissima Maria Matusa

P.S.
Chissà perché ho la sensazione che con questo post l’unica che si è realmente scavata la fossa sono io…

P.P.S.
Giuro che la salma di Mike non l’ho presa io!!!

Annunci

Una Risposta to “Pippo Baudo e i segnali divini non colti…”

  1. relux 30/09/11 a 19:17 #

    io lo trovo giusto…il ragionamento, non fa una piega!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: