Archivio | marzo, 2013

L’importante è esagerare, la nostra top 5 delle canzoni di Enzo Jannacci

30 Mar

Le Commari oggi sono un po’ più tristi: se ne è andato Enzo Jannacci, uno dei pochi grandi geni rimasti nel nostro fottuto e bistrattato Paese. Un cardiologo (mica l’ultimo dei fessi uno che ha collaborato con Barnard, il chirurgo che per primo eseguì un trapianto di cuore), un cabarettista, un attore, un cantautore, un tifoso milanista: cioè spiegateci come uno la mattina può operare e la sera cantare Vengo anch’io no tu no. L’unica ragione è essere geni, ma in questo caso, grazie a Dio, Enzo Jannacci era iper compreso. E mentre sogniamo che la “portiera si apra” ed Enzo nostro torni in mezzo a noi, vi proponiamo la top 5 delle nostre canzoni preferite di Enzo Jannacci.

Enzo Jannacci

Continua a leggere

Alta fedeltà: I 5 politici italiani più affascinanti del momento

29 Mar

Film Alta fedeltà

Come Rob Fleming, Le Commari amano fare classifiche nella maggior parte dei casi totalmente inutili.
Ecco allora che oggi, mentre siamo in attesa di capire quali saranno le sorti del Paese, cerchiamo di guardare la politica da un altro punto di vista e lanciamo la nostra top 5 dei politici più affascinanti del momento.

Sì, perché sotto sotto Le Commari hanno sempre avuto un debole per i professorini (e la categoria dei politici ne è piena…) sin dalla loro disdicevole cotta per Daniele Capezzone. Ma badate bene che quando Le Commari sbavavano per lui (la bradi ricorda ancora una foto scattata alla filledepoche mentre intervistava il Capezzone), non era ancora passato al lato oscuro, era un radicale che diceva quello che pensava e non quello che gli dicevano di pensare e comunque lo consideravamo già un guilty pleasure (perché è sempre stato un po’ bizzarro). Poi lui è diventato portavoce del Pdl e a noi è passata d’un botto, come per magia, tutta l’attrazione nei suoi confronti.

La classifica che vi proponiamo oggi è per tutti i gusti, uomini, donne, omosessuali. Badate bene che parliamo di fascino, non di bellezza, e le scelte che abbiamo fatto in certi casi hanno spiegazioni assurde (o non ce le hanno proprio). Per ognuno dei politici scelti vi proponiamo una foto e un video. Continua a leggere

The Voice of Italy: bello, ma date la conduzione alla Di Domenico

27 Mar

Carolina Di Domenico The Voice of Italy

Le Commari sono sempre molto prese dalle loro serie tv e difficilmente trovano il tempo di guardare la tv italiana, ma non potevano perdere The Voice of Italy e il motivo principale è uno e ha un nome e un cognome: Raffaella Carrà.

Nostra Signora delle Commari è un motivo più che valido per guardare qualsiasi trasmissione tv, noi la veneriamo e stiamo ottenendo la conferma che abbiamo ragione ad adorarla perché a The Voice è irresistibile, con i suoi commenti sulla “figaggine” dei concorrenti, i suoi siparietti con Piero Pelù, il suo look da rockettara e il suo “feeling” (è il tormentone del programma).

Tra l’altro non ci dispiacciono neanche gli altri giudici: Noemi è la più insicura, ma una figura come lei ci voleva per attrarre i giovani, il povero piccolo Cocciante all’inizio non lo voleva nessuno, ma probabilmente nella sua squadra c’è già il vincitore. Continua a leggere

Ode all’ultimo dei romantici, Leonardo Nascimiento de Araújo

15 Mar

Non si parla di altro: la proposta di matrimonio di Leonardo ad Anna Billò riempie le pagine dei quotidiani online in tutte le sue sezioni, dalla cronaca rosa allo sport, passando per la TV. Il direttore sportivo del Paris Saint Germain si dimostra l’ultimo dei romantici e con tanta romanza (che manco il primo Steven Morrissey…) eccolo chiedere in diretta alla sua compagna, la giornalista Anna Billò, di sposarlo. Mentre le Commari di tutto il mondo si uniscono all’unisono in un AAAAAAWN da Guinness, lei lo allontana, fa la preziosa, se la tira… la giustifichiamo solo per l’imbarazzo. Ma quando scopriamo che ha già detto due volte di no a quel tronco di pino dall’animo gentile per noi passa dalla padella alla brace. Anna Billò dicci perché?????

Leonardo ciambelle e Anna Billo

Leonardo e la sua gelida Annina

****

Continua a leggere

Nuntio Commaris gaudium magnum: Habemus Papam!

13 Mar

Le Commari festeggiano l’elezione del nuovo papa Francesco I aka Jorge Mario Bergoglio, giovincello 77enne di Buenos Aires. E per voi hanno preparato uno stupidario per sopravvivere all’ondata di notizie e di corrispondenti esteri che si susseguiranno nei prossimi giorni. Noi, che già vediamo Belén Rodríguez in una nuova striminzita veste di opapionista TV, apriamo la rassegna con questo frame di Chile 24 Horas: non sappiamo se si tratta di un fake, ma lo amiamo lo stesso come se fosse vero.

734066_10151555025694524_1757048892_n

Mientras tanto en Chile….

Continua a leggere

M5S e giornalisti: qualcuno faccia un discorsetto a Grillo e ai grillini

3 Mar

Beppe Grillo incappucciato

La vendetta che vorremmo da parte dei nostri colleghi giornalisti parlamentari è che quando Grillo e i grillini avranno bisogno di loro, non si facciano trovare. Purtroppo, sappiamo benissimo che è una vendetta che non si può mettere in atto, perché i bravi reporter fanno sempre il proprio dovere e dovranno stare a raccogliere le dichiarazioni dei tizi del Movimento 5 Stelle quando avvertiranno la necessità di farsi sentire non solo attraverso la Rete (ed è una cosa che prima o poi succederà sicuramente).

Il modo in questi questi novellini della politica trattano i giornalisti è irritante, irrispettoso e maleducato.
Carissimi grillini, non è che i giornalisti vi seguono e vi fanno domande perché state loro simpatici o perché siete vip, ma perché è un loro dovere in quanto mediatori tra i cittadini e la classe dirigente (quella alla quale ora appartenete anche voi).

Se avete voluto la bicicletta dovete pedalare da tutti i punti di vista, non solo facendovi belli attraverso le vostre web radio, web tv, web cazzi e mazzi, ma anche curando i rapporti con la stampa e dimostrandovi gentili e non scocciati.

Facendo gli schizzinosi con i giornalisti dimostrate di essere irrispettosi verso tutti (e dico TUTTI) i cittadini, inclusi quelli che vi hanno votato. Continua a leggere

Patrizia Scermino, ovvero Mamm(ell)a Rai senza ritegno…

2 Mar

Patrizia Scermino e le sue tette

Finora non mi era mai capitato di vedere un solo minuto della tv del pomeriggio, né Rai, né Mediaset. Lo so che esistono programmi tipo quello della D’Urso e quello della Venier, e forse c’è ancora Milo Infante su Raidue (o lo hanno segato, non mi ricordo…), comunque, per farla breve, la tv del pomeriggio la evito come la peste.
Qualche giorno fa, però, mi è capitato di vedere un pezzettino de “La vita in diretta”. In realtà non l’ho vista in tv, ma al pc e solo perché era stata segnalata sulla fanpage di uno dei miei idoli che era ospite lì. Parlo di Raphael Gualazzi, che è si è confermato un genio al di sopra di tutto e di tutti ignorando completamente il titolo della trasmissione. Già mi immagino i suoi discografici che gli hanno detto: “Vedi che devi fare un’intervista per la Rai” senza nemmeno dirgli il titolo perché tanto (solo quando si tratta di tv) questa o quella pari sono…

Ebbene, tutta questa premessa per spiegare perché, solo ora, dopo anni (a quanto pare) di militanza in Rai di una certa giornalista di Vibo Valentia, mi accorgo della sua esistenza. Facciamo subito nome e cognome: Patrizia Scermino. E anche l’età, che sicuramente a lei scoccia: quasi 49 anni (è nata il 1° aprile 1964). Siccome sono più distratta di Gualazzi, non avevo nemmeno notato il nome della signora in questione durante l’intervista e avevo già chiuso il video quando ho deciso di scrivere questo post, ma per scoprire come si chiama mi è bastato scrivere su Google: “giornalista la vita in diretta tette” e si è aperto un mondo!

A lei sono dedicate pagine su forum interamente incentrati sul tema Tette e Google Suggest suggerisce subito di accostare il suo nome a “Ipercaforum” (però non mi va di cercare cosa diavolo è). Continua a leggere