Archivio | il compare della settimana RSS feed for this section

Channing Tatum, chi? Le Commari eleggono i loro sexiest men alive

21 Nov

Anche quest’anno People ha preso una tramvata e ha eletto Channing Tatum come miglior rappresentante della bellezza maschile a 360° e noi, da quando è stata presentata la copertina della famosa rivista, siamo sul piede di guerra. Abbiamo unito le nostre forze, le nostre memorie a breve e a lungo termine per raccogliere in un video 70 (e più) bellissimi uomini e, come se non bastasse, alcuni ve li siamo andati a scovare in un regno che non esiste. E siccome siamo troppo buone (ma solo quando si tratta di compari), vi abbiamo impacchettato una classifica che è completamente diversa da quella dell’anno scorso.

E chi è secondo noi il più bello? Pur condividendo qualche scelta di People, il più sexy per noi è… scopritelo dopo 4 minuti e 58 secondi di immagini meravigliose con la colonna sonora della canzone dell’Ump, no dai poveri, Kids degli MGMT. Chiediamo scusa a tutti quelli che sono caduti nell’impresa.

Continua a leggere

Tom Hiddleston, il compare da presentare a mammà

25 Set

Tom Hiddleston e la sua regale beltà

Amiche, commari, lettrici, noi vi scriviamo per farvi innamorare di Tom Hiddleston. Quest’omaggio alla poetica shakespeariana non vi distolga dalla beltà del 31enne attore inglese che fa tremare il santificato Michael Fassbender. Qualcosa in comune i due attori ce l’hanno e c’è qualche post su Internet che celebra la loro incredibile somiglianza, ma per noi i due sono assai diversi, già perché mentre uno dei due ci ha riavvicinato a una fede che temevano persa, l’altro è l’uomo perfetto da presentare alle vostre madri, anche se ha interpretato con i capelli (inspiegabilmente) tinti di nero il perfido Loki noi possiamo dirvi fin da subito che ci saremmo arruolate nel suo esercito e dopo il salto vi spieghiamo perché.

Continua a leggere

I compari olimpici, ovvero gli atleti più sexy di Londra 2012

13 Ago

Da 15 settimane le Commari non parlano d’altro: Dobbiamo eleggere i compari olimpici, dobbiamo dare una lezione di estetica a tutti quelli che hanno messo Filippo Magnini (sì avete letto bene) nella classifica dei più fighi di Londra 2012.
Qui sotto c’è quel gran gnocco di Camille Lacourt, già eletto compare quando non se lo cagava nessuno, dunque fuori dal video-Postalmarket-olimpico che trovate dopo il salto.
Ci scusiamo con i Muse se iMovie ha tagliato la loro splendida Survival, la fille de poche giura di non averlo fatto apposta.
Una particolarità le Commari: sono andate fino in fondo, cercando anche i più fighi di sport iper geek e non proprio noti per la prestanza fisica dei loro atleti (tiro con la pistola e il tiro con l’arco, dove abbiamo beccato addirittura due ori). Siete pronte…. Ecco a voi i nostri Compari olimpici.

Camille Lacourt, ovvero il Compare fra i Compari olimpici

Continua a leggere

Michael Fassbender, il compare “Gesù Cristo”

5 Ott

Da settembre non si parla altro che di lui, quest’uomo sceso in terra come un Messia per salvare le donne dalla dannazione eterna. Parliamo di quel gran figo, di quella dimostrazione dell’esistenza che è Michael Fassbender. Già perché al pari di Eric Bana ci ha fatto come dire sbarellare, impazzire… perdere le staffe… e soprattutto riavvicinarci alla fede. Quello che sembrava impossibile per le due commari è successo, grazie a Michael abbiamo una nuova rinvigorita fede… Nel senso che per noi è Gesù Cristo, in una mitica trinità rivisitata che da domani Porcopolitan ci invidierà che vede Eric Bana vestire i panni di Dio (non sappiamo più come dirvelo, noi di australiana non ci siamo mai guarite), come moderna colomba volatile ecco lo Spirito “James” Franco e infine lui, l’uomo che siede alla destra di Eric Bana – e nella nostra religione politeista a volte può anche usurpargli il trono: Michael Fassbender. Visto che ancora non ve l’abbiamo mostrato, eccolo:

Michael avvolto in una paradisiaca nube

Nato a Heidelberg nel 1977, si trasferisce giovanissimo in Irlanda il paese di origine della madre e qui passa le sue serate come noi a guardare serie televisive americane, come dice lui stesso in un paio di interviste:

Nonostante abbia interpretato Magneto, crede di essere Superman e in qui canta la sigla di Super Ralph maxi-eroe


e addirittura condivide con una delle commari l’idea sulla confessione. Dai video ritorniamo ai cari vecchi file jpeg:

in bianco e nero

Bello anche se indossa capi Hogan

Qui inizia a recitare praticamente subito perché a suo dire non era bravo a nient’altro, chiaramente non gli crediamo…visto che in quanto santificato lui può tutto. In patria – chiaramente l’Irlanda lo si può vedere in un vecchio spot della Guinness – in cui mette in atto la sua divinità attraversando a nuoto l’Atlantico


Si fa conoscere al pubblico per aver interpretato le ultime settimane di vita di Bobby Sands in Hunger, diretto da Steve McQueen. Per questo film si è nutrito di sole sardine e badate che le odia. McQueen l’ha poi diretto in Shame film capolavoro in cui interpreta un erotomane (sì, un pipparolo all’ennesima potenza) uno dei personaggi più soli che il mondo abbia mai concepito. La commare l’ha visto e ha perso il conto dei nudi frontali del caro Fassbender. Non solo in A Dangerous Method interpreta Carl Gustav Jung e sculaccia come si deve Keira Knightley, e credeteci non invidiavamo così tanto la Knightley da quanto stava con Jamie Dornan! Eccovi il trailer:


Per capirci, ecco l’effetto che fa alle donne


e agli oggetti metallici

ha anche un effetto deleterio sui nazisti e sulle eroine dei libri dell’800:

Se non vi abbiamo convinto con tutto questo sappiate che sa anche ballare e cantare!

qui in compagnia con l’altro futuro compare James McAvoy

Se tutto questo non vi fosse bastato, sappiate che anche dannatamente bravo a recitare.

Perché è il compare Gesù Cristo: oltre alla sua presenza ossessivo compulsiva in tutti i media del mondo… Fassbender è anche un buontempone, è un gran bravo attore (lo so a vederlo così sembra essere quasi che si tratti di una falsità, invece no!). A vederlo meglio poi è talmente perfetto che l’unica espressione possibile è chiamarlo con il suo vero nome: (oh) Gesù!

Fassbenderiane anonime,

Sinceramente vostre

Maria Gesualda e Maria Michaela

Eric Bana, il compare “TROPPA ROBBA”

29 Mar

Le Commari si sa non sono mai d’accordo, quindi se qualche volta succede che siamo d’accordo va celebrato. Uno come Eric Bana non mette d’accordo solo noi, ma metterebbe d’accordo anche tutte le fazioni della sinistra italiana, israeliani e palestinesi e chi ne ha più ne metta anche perché di fronte a TANTA ROBBA, come si fa a non perdere la testa. Eric Bana è talmente TROPPA ROBBA che secondo noi andrebbe santificato, sì santifica il compare anima mia

Eric Bana è talmente bono che dopo aver fatto ridere e commuovere la sua lontana Australia (prima era noto per i suoi stand-up, poi ha interpretato un serial killer) è diventato famoso anche da noi grazie alla sua interpretazione di Ettore. E se poco poco odiavamo dai tempi delle medie il pelide Achille e la sua ira, ecco che da quando abbiamo visto Troy siamo diventate tutte Andromaca. Dopo Troy, è giunto Munich in cui Eric dà il meglio di sé… come possiamo vedere qui sotto….

Senza parole, ma Eric Bana ci lascia sempre così… C’è tanta robba in quest’uomo da far sembrare anche sexy uno con la gotta, sì parliamo di Enrico VIII interpretato da lui ovviamente in modo… divino, tanto da far fare pace alla chiesa anglicana e quella cattolica, con un Tanta Robba così il Concilio di Trento ce lo sognavamo:

Eric diventa Henry VIII

Eric si presta anche ad altre grandi cose, tipo imitazioni di colleghi di set, come Orlando Bloom:

Ma quest’uomo, grazie al quale abbiamo capito anche le assurde regole del Texas Hold’em, ci regala ogni tipo di soddisfazione, e vorremmo incontrarlo all’altare come una Claire Abshire e dirgli sempre e solo di sì:

Eric all'altare

Ed ecco altre foto della troppezza di Bana:

Eric Troppa Roba Bana #1

Eric Troppissima Roba

E poi perché quest’uomo è uno tosto, come testimonia il trailer del suo prossimo film Hanna:

Se con tutto ciò non vi abbiamo convinto della vicinanza a Dio di Eric Bana, beh… cambiate religione voi e il vostro Pattinson del piffero!

Ci piace perché: Non è un Brad Pitt qualsiasi e poi perché nonostante ci sia così tanta robba in Bana non ci stancheremo mai di lui. Non ci resta che dire: SANTO SUBITO. È talmente Bana da far passare anche in secondo piano, il compare ante litteram Hugh Jackman.

Tautologicamente vostra,

Maria Erica

P.S. Se anche voi siete affette dall’australiana, leggete cosa fare in caso di emergenza

P.P.S. Prima di ricevere insulti di puristi della lingua italiana, sappiate che siamo già al corrente che roba si scrive con una sola b, ma per Bana si può anche distruggere la lingua italiana.

Il compare peacekeeper: Pio Marmaï

25 Nov

Commari di tutto il mondo unitevi a noi e al nostro amore per quest’uomo di infinita beltà. Da tempo non eleggevamo un compare che ci mettesse così platealmente d’accordo e che ci mettesse – vuoi anche per quel suo nome che profuma di rosa – in pace con noi stesse. Già perché anche se non sembra dietro ogni elezione di ogni compare sono volati insulti, beghe da condominio fino a oggi, quando io e la bradipina senza battere ciglio abbiamo deciso di eleggere a compare l’attore francese Pio Marmaï. Nato a Strasburgo il 13 luglio del 1984, per diventare attore ha seguito vari corsi anche in Italia (anzi utente della rete, tu che forse hai mangiato una piadina con il nostro Pio, sappi che questo post è anche per te)  e il conservatorio di Créteil e poi ha concluso il tutto alla Scuola d’arte drammatica di Saint-Étienne, come dire in Francia non è così semplice diventare attore come nel nostro paesello… Del genere se un Luca Argentero qualunque solo con una presenza nella casa del Grande Fratello diventa attore, in Francia la situazione è ben diversa. Ma torniamo al nostro Pio, fra un film e l’altro ha anche il tempo di fondare con un gruppo di amici una compagnia teatrale dal nome altisonante Quincaillerie Moderne, come a dire soprammobile moderno… una sorta di gattino giapponese che abbassa la mano. Nel sito potete anche trovare l’email del bell’uomo, ma vi lasciamo fare le Miriam Tomponzi di turno. Recita in qualche pièce teatrale e poi al cinema in Didine fino a quando non entra a far parte del cast di uno dei maggiori film della scorsa stagione cinematografica francese: Le premier jour du reste de ta vie, dove il nostro Pio convola a nozze con immancabile vestito bianco kitsch, film che gli è valso anche la nomination a miglior attore rivelazione al César, il premio gli è l’ha soffiato il “fratello” Raph. Dopo questo film se è possibile si fa amare ancora di più e sposa la legge che amiamo di più. E per farsi amare ancora di più recita in una serie dedicata agli anni ’80! Il popolo di faccialibro ha già la risposta ai nostri patemi: il mitico gruppo “Pio Marmaï, will you marry me?”. Fra gli iscritti manco a dirlo c’è proprio lui! Ecco a voi qualche foto e qualche video di Pio:

Pio vérsion blanche et noir

Pio perplesso

Pio in camicia di flanella

Il trailer di Le premier jour du reste de ta vie

Una scena dal film

E un’intervista per il lancio di La loi de Murphy

Perché è il compare peacekeeping? Perché con la sua beltà mette d’accordo tutte e poi scusate, ma vi chiedete anche il perché???

Sentitamente vostra,

Maria Pia

Il compare che non deve chiedere mai: Don Draper

20 Set

Donne, credeteci: ognuna di noi dovrebbe avere un Don Draper. Perché Don è un eroe, perché Don è perennemente vestito come si deve, perché come Gigen non esce di casa senza il suo borsalino, perché anche quando si toglie la divisa da lavoro indossa comunque un pigiama Frette e se non è Frette non è sicuramente Gap. Ma chi è Don Draper? Don è il personaggio principale di quell’opera d’arte del piccolo schermo chiamata Mad Men. Ambientata negli anni ’60 a Manhattan, Mad Men è veramente una delle migliori serie mai scritte, non solo perché ricrea fedelmente la vita, il lavoro, il modo di pensare, gli abiti e l’aria dei ruggenti anni ’60. Siamo in un’agenzia di pubblicità di fama, la Sterling Cooper, il cui capo è uno strano vecchino fissato con l’orientale (Cooper), mentre l’altro è esaltato dal triangolino (Sterling), fra i due si inserisce LUI, il Don Draper, l’uomo che tutti vorrebbero essere e l’uomo che tutte le donne vorrebbero avere nel proprio letto, tutte tranne la commare ad honorem Betty Draper, la sua bellissima moglie. Don, interpretato dal tronco di pines di Jon Hamm, non è solo bello ma è anche incredibilmente bravo nel suo lavoro, l’uomo a cui si devono tutti, ma dico tutti i contratti migliori. E poi vederlo fasciato sempre in quei completini eleganti, in quei gessati, con quell’aria misteriosa, sorseggiando il suo cocktail, fumando il suo sigaro…Donne credeteci… tutte dovrebbero avere un DON DRAPER. Don è talmente figo che è anche candidato agli Emmy e mica solo una volta…. Ecco un video e degli scatti per conoscerlo meglio

Don recita un poema di Frank O’Hara

Don e il borsalino, inscindibili

Don e il borsalino, inscindibili

Don e il suo sigaro

Don e il suo sigaro

Sentitamente vostra,
Maria Peggy (Olson)