Archive | anni 80 RSS feed for this section

Ferris Bueller’s Day Off (Una pazza giornata di vacanza) compie 30 anni: 5 ragioni per ri-vederlo

6 Giu

Chiedeteci tutto, ma per noi Ferris Bueller’s Day Off non si può intitolare Una pazza giornata di vacanza, sì ok, Ferris ingegna la giornata della vita per saltarsi un compito in classe, evitare il confronto con i suoi genitori, e un’odiosa sorella. Ferris in realtà è il miglior filosofo dei nostri tempi, e il 5 giugno ha spento 30 candeline, ecco 5 ragioni per ri-vederlo.

Ferris-Bueller-s-Day-Off-ferris-bueller-2540802-1600-900

Continua a leggere

The Breakfast Club compie 30 anni, cinque (x2) motivi per ri-vederlo

15 Feb

The Breakfast Club compie 30 anni, il film di John Hughes usciva oggi nelle sale dei cinema degli USA. Uno dei film più famosi del compianto regista, The Breakfast Club è una piccola meraviglia, vi diamo cinque consigli per vederlo o rivederlo. Per chi, come noi, lo sa a memoria sarà solo una scusa per rivedere alcune scene cult.

10987699_1009765882384313_7225375627600327557_n

Continua a leggere

Auguri Cristina D’Avena, ecco le nostre sigle preferite

6 Lug
L'eterna Cristina D'Avena

L’eterna Cristina D’Avena

Sentirsi irrimediabilmente vecchie: Cristina D’Avena, il nostro idolo assoluto, commare ad honorem, oggi spegne 50 candeline e quale modo migliore per ricordarla se non con le sue sigle che tutti noi, grandi e piccini, amiamo. Ecco le nostre dieci sigle preferite:

1) Nanà Super Girl

2) Mila e Shiro

3) Pollon

4) Johnny, è quasi magia

5) L’incantevole Creamy

6) Occhi di gatto

7) Lady Oscar

8) Vola Mio Mini Pony

9) Kiss Me, Licia

10) Prendi il mondo e vai

Tanti auguri!

Maria Cristina e Maria D’Avena

Bonus Track: LE FETTINE PANATE!

Albano, Romina e le labbra della Lecciso

14 Nov

Ah las patatas… Eh no, non siate maliziosi, in Spagna patada significa “calcio” e in salentino spagnoleggiante diventa magicamente “patata”, anche se non si parla di patonza, ma di calci. In particolare, quelli che Albano Carrisi avrebbe dato alla sua ex moglie Romina Power.
Le Commari sono cresciute con le canzoni di una delle coppie più amate del panorama musicale italiano (e questo probabilmente spiega perché siamo cresciute poco e male…). Dobbiamo ancora riprenderci dalla loro separazione, anzi, abbiamo sempre sperato in una riconciliazione, invece vederli insultarsi così ci riempie il cuore di tristezza. Loro che per anni ci hanno tormentato con il loro Ballo del Qua Qua con un asino che sa fare solo qua qua qua, loro che ci hanno dimostrato che ci sarà una storia d’amore in un mondo migliore, loro che ci hanno insegnato il significato di Sherazan. Ora dalle bocche che cantavano di nostalgia canaglia e felicità sentiamo solo parole come “botte”, “violenza”, “droga”, nemmeno fosse un film da bollino rosso.

Addirittura gli spagnoli non hanno nulla di meglio da fare che aizzarli l’uno contro l’altra con accuse gravissime da una parte e dall’altra (ecco il post con tutti i particolari).

Capitolo 1Romina e la Marija… La figlia di Tyrone Power pare abbia sempre consumato marijuana perché fa parte della sua cultura e, secondo Albano, la offriva anche ai figli. La mamma che tutti vorrebbero insomma…

Capitolo 2Romina dice che Albano la picchiava e che le ha dato qualche “patata”. Non quelle coltivate nella masseria di Cellino San Marco per capirci, ma calci conditi da schiaffoni. Lui risponde dicendo che l’unica volta che ha alzato le mani contro di lei è stata per esigenza di copione. Pare che i figli siano d’accordo con il padre e lo difendano. Anche noi saremmo propense a escludere le botte, anche se la storia così come è stata raccontata da Romina spiegherebbe molte cose: prima di tutto, le labbra della Lecciso! La seconda moglie di Albano è andata in giro per un periodo con le labbra deformate e tutti noi, malpensanti, abbiamo creduto che fosse l’effetto di una punturina mal riuscita. E se fosse stata una “patata” di Albano?!?!?!?!?

Ma no, dai, Albano non è mica violento… guardiamo i video qui sotto

I giornalisti sono proprio rompipalle

E Christine Del Rio se l’è cercata. L’avremmo picchiata anche noi.

Le vostre nostalgiche Marija Romina e Maria Lory

CommaTunes: Baccara – Yes Sir, I Can Boogie

24 Mag

Chi non ricorda queste due donnine che cantavano con il nome di Baccara? Noi per esempio… be’ perché non eravamo ancora nate, quindi i loro volti non ci dicono molto, ma le loro voci, con quell’accento spagnolo, ci dicono tanto. Per esempio che, visto peraltro che una delle due si chiama María, dovevano proprio essere due commari, sul finire degli anni ’70, quando cantavano questa deliziosa canzoncina Yes Sir, I Can Boogie.
Ecco allora che ve ne proponiamo il video qui di seguito.
In questo periodo impazzano i flash mob un po’ ovunque, ma vi diciamo che se noi dovessimo prendere parte a un ballo collettivo vorremmo ballare proprio questo qui, come Mayte Mateos e María Mendiola facevano allora.

Quando muore un’era… addio a John Hughes

9 Ago

Appendete al chiodo le vostre leggins, lasciate a casa i vostri bomber e tagliate le punte dei vostri mullet: gli anni ’80 non esistono più, la migliore decade del pianeta così piena e così vuota si è spenta ieri notte all’età di 59 anni. Ci ha lasciate John Hughes, l’uomo che ha meglio di chiunque altro descritto la decade più amata: gli anni ’80. Lui che come una sorta di J.D. Salinger di era reaganiana dopo aver ricevuto fama e celebrità si era rintanato in una casa di campagna, lui che dopo aver consegnato la miglior generazione di attori dell’epoca ha deciso di smettere… Lui che con i suoi film ha fatto sognare anche noi, lui che ha dato un senso ai nostri pomeriggi di agosto, lui che ci ha fatto innamorare di Jake Ryan, Ferris Bueller, Duckie, Blane, Keith, Andrew Clark, John Bender,  … Lui che ci ha fatto identificare in Samantha Baker, Andie Walsh, Watts, Claire o Allison Reynolds. Questo regista nel bene o nel male ha segnato la nostra generazione, ci ha fatto sognare, ci ha fatto capire che gente come Jake Ryan esiste solo nelle pellicole, che uno come Blaine non lo si trova per strada e che essere oggetto di ossessione di tre ragazzi perfettamente perfetti è una cosa che esiste solo nei film. Sì, va bene… ma che film! Ecco alcuni tributi o se preferite un modo per rinfrescarvi la memoria una top list speciale.
Al 5° posto il film che ci ha fatto innamorare di Matthew Broderifck, molto prima che il cavallo di Sarah Jessica Parker lo facesse suo, una scena mitica tratta da Ferris Bueller’s Day Off o se preferite Una perfetta giornata di vacanza

A pari merito, dallo stesso film la sindrome di Stendhal di Cameron di fronte a un quadro di Seurat


Al 4° posto il bacio fra Watts e Keith, il suo migliore amico, da Somekind of Wonderful o se preferite Meraviglioso Batticuore


Al 3° posto un classico, tratto da un film scritto da Hughes, Pretty in Pink o se preferite Bella in rosa. Primo video, tutta la rabbia di Andie contro Blaine reo di aver rifiutato le sue chiamate (con Elegia dei New Order come sottofondo) malconsigliato dall’idiota di Steff


Seconda scena, la seconda parte della stessa scena (con un audio migliore) la vendetta del geniale Duckie ai danni del ricco pallone gonfiato


Al 2° posto non una scena, ma LA scena gli ultimi minuti di Sixteen Candles o se preferite Un compleanno da ricordare

Al 1° posto gli ultimi minuti del film forse più famoso e significativo di John Hughes, The Breakfast Club la pellicola che meglio incarna la splendida decade che la sua scomparsa ha ucciso e quei suoi personaggi, quei ragazzi un po’ fuori dal coro, un po’ particolari, in un certo senso il compito che i cinque consegnano a Vernon è una sorta di testamento, come la citazione di David Bowie che apre il film

Dear Mr. Vernon,
we accept the fact that we had to sacrifice a whole saturday in detention for whatever it is we did wrong, but we think you’re crazy for making us write an essay telling you who we think we are.
You see us as you want to see us, in the simplest terms, in the most convenient definitions. But what we found out, is that each one of us is a brain,
and an athlete,
and a basketcase,
a princess,
and a criminal.Does that answer your question?

Sincerely yours,

The Breakfast Club

E se non vi fosse bastato… Ecco un altro video sulle opere d’arte del mitico John Hughes

Sinceramente vostra,

Maria Molly o se preferite Maria Allyson o Maria Andie

Clizia, ma lo hai sposato Simon Le Bon?!

21 Mag
Clizia appena sveglia... l'ha truccata la fatina del sonno?!

Clizia appena sveglia... l'ha truccata la fatina del sonno?!

Mentre i francesi avevano Sophie Marceau e Il tempo delle mele, gli americani si sollazzavano con Molly Ringwald e tutta l’allegra brigata del brat pack, noi avevamo Clizia Gurrado e Sposerò Simon Le Bon.
Anche se le commari in quegli anni erano ancora in fasce, si sono poi sorbite i film adolescenziali degli anni ’80 negli afosi e inutili pomeriggi estivi dell’ultimo decennio del ‘900, quelli in cui non sapevi che fare e allora “Ma sì, vediamo che c’è su Italia1”. Se ti andava male beccavi qualche film di Jerry Calà, se eri fortunata sognavi con Molly e i suoi amici, oppure, almeno una volta sarà capitato a tutti, ti fermavi a guardare questa pellicola italiana dell’86, criticata da molti ma divenuta ormai un cult per chi è stato adolescente negli anni ’80-’90.
Parliamo appunto di Sposerò Simon Le Bon, un film che offre molti spunti. Il senso principale del racconto era: “Quanto sono belle le mie Timberland!” Sì, proprio così, perché ogni paninaro che si rispetti (ecco l’altro tema-chiave) portava quelle scarpe lì, con il Moncler e la t-shirt Naj Oleari. I paninari non sono assolutamente da sottovalutare, altrimenti i Pet Shop Boys non avrebbero dedicato loro una canzone. Un movimento che ha reso famosi (?!) i ragazzi milanesi nel mondo!!! Il film è tratto da un libro di un’adolescente, tale Clizia Gurrado, che dà il nome alla protagonista interpretata da Barbara Blanc ed è esilarante la scena del risveglio di lei, che sogna il suo idolo sull’altare  (senza mai riuscire a sposarlo)  e quando suona la sveglia è già truccata come se stesse per andare a fare un servizio fotografico, con tanto di lucidalabbra, ombretto, rimmel e tutti i crismi. Una recitazione da dilettante, come il resto del cast, costituito in buona parte da figli di papà: Luca Lionello (figlio di Oreste), Gianmarco Tognazzi (figlio di Ugo), e poi lei, l’amata/odiata Giuppy Izzo che ancora si faceva chiamare Federica (ma come si passa da Federica a Giuppy? Qualcuno ce lo spieghi, noi pensavamo si chiamasse Giuseppa). Una commare suggerisce che sarebbe stato meglio se la carriera di Giuppy fosse finita lì (ok le piaceva quando doppiava Gilmore Girls,  ma le ha rovinato Grey’s Anatomy) l’altra, sebbene si sforzi di sopportarla quando doppia Meredith o la pubblicità della Tim, un po’ le è affezionata in quanto voce di Bridget Jones. La convinzione delle commari è che in questo film ci sia in nuce il “moccismo”… Sì perché Federico Moccia in quegli anni era poco più che ventenne e cominciava a pensare a Tre metri sopra il cielo, e poi, da dove altro può aver preso i ridicoli nomi per i suoi personaggi? Infatti Lionello si chiamava Alex come Raoul Bova in Scusa ecc ecc, il nome del personaggio di Tognazzi invece era Cody (Cody?!?!?!?), che comunque fa cagare meno di Step (Step?!?!?!?!?!?!?!). A un Moccia o ancora peggio a una Melissa P noi continuiamo a preferire la cara Clizia, che non si sa bene cosa faccia oggi, qualcuno dice che scrive ricette per gatti (e questo fa di lei il nostro idolo…). A questo punto lanceremmo anche un appello: se qualcuno sa cosa fa la signora Gurrado, ce lo dica, siamo curiose, vogliamo almeno sapere, alla fine, chi diavolo ha sposato!!!

Per i nostalgici, qualche scena del film

Fanaticamente vostre,
Maria Clizia e Maria Giuppy