Archivio | Cause filantropiche RSS feed for this section

#PiuttostoSingle: 21 categorie di individui che… Dio ce ne scampi

22 Feb

Furio e Magda

Le Commari non amano le etichette, tuttavia, in certi casi, si rivela indispensabile dividere le persone in categorie, soprattutto quando si tratta di vita di coppia (ma a volte anche di amicizia o colleghi di lavoro). Sì, insomma, etichettiamo pure noi, involontariamente e allegramente. Lo abbiamo fatto, per esempio, pensando a quali caratteristiche proprio non deve avere una persona con cui si dovrebbe trascorrere un periodo della propria vita (o per i romanticoni tutta la vita), con chi, in pratica, è meglio non fare coppia.

Vi presentiamo 21 categorie di individui odiosi con i quali è meglio non mettercisi. Siccome uomo/donna avvisato/a è mezzo/a salvato/a, se vi accorgete che la persona con cui state appartiene a una di queste categorie, vi conviene lasciarla, sì, proprio così, #PIUTTOSTOSINGLE! Se avete dei suggerimenti, aneddoti, altre categorie da suggerirci, potete farlo nei commenti o sui social usando proprio l’hashtag #PiuttostoSingle, perché sapete come si dice: meglio soli che male accompagnati!

Specifichiamo subito una cosa: queste categorie riguardano sia gli uomini sia le donne, anche se li scriviamo al maschile, comprendono proprio tutti gli esseri umani che hanno le caratteristiche che vi andiamo a elencare. Alcune vi sembreranno scontate e banali, altre magari non le condividerete, ma dovete pensare che noi ci riferiamo al “lungo periodo”, insomma, ‘sta gente si può pure sopportare per qualche settimana o mese, ma poi… #PiuttostoSingle! Continua a leggere

Maria Stella Gelmini aka Benjamin Malaussène del Pdl

25 Set

Ma povera la Mary Star… Quando il Pdl è alle prese con qualche guaio (cosa che capita spessissimo) mandano sempre lei a parare il popò al partito. Sarà per quella faccetta da secchioncella, per quell’aria da maestrina o semplicemente per il fatto che tanto lei a riparare alle figure di merda ci è ormai abituata… ma di brutto eh! Continua a leggere

Zooey Deschanel e Joseph Gordon-Levitt, sposatevi!!!

31 Dic

Le Commari tornano a lanciare una causa filantropica, un appello che dovrebbe essere condiviso dall’intera umanità per il suo stesso bene. Da un paio di giorni non si parla d’altro (cioè forse sì, ma tutto il resto fa schifo e noi vogliamo solo cose belle) che del video di Zooey Deschanel e Joseph Gordon-Levitt che cantano What Are You Doing New Years Eve? di Nancy Wilson (eccolo qui sotto).

Il video è stato lanciato dalla stessa Zooey nel sito hellogiggles.com che ha fondato con le sue amiche Sophia Rossi e Molly Mcaleer, ha subito ricevuto milioni di visite e di commenti e l’Huffington Post lo ha definito “the cutest thing ever” sulla sua pagina Facebook. Tutti i fan di Zooey vogliono una sola cosa: che lei si fidanzi con Joseph Gordon-Levitt, suo amico da 12 anni e con il quale è stata protagonista di una delle commedie sentimentali più belle degli ultimi tempi, 500 Days of Summer (di cui le Commari hanno già parlato con entusiasmo).

Già da quando è uscito il film pensavamo che questi due avrebbero dovuto fare coppia fissa anche nella vita, solo che c’era un piccolo problemino: lei era sposata con un musicista per niente alla sua altezza, Ben Gibbard. Ebbene, da qualche mese è arrivata la lieta notizia: Zooey si è separata da Ben e ora è sola soletta.
Solitamente le Commari dovrebbero, per predisposizione genetica, essere invidiose delle belle ragazze, ma con Zooey (come con Alexis Bledel) è praticamente impossibile, perché è adorabile quanto un gattino, perciò non si può far altro che sperare che si metta con uno altrettanto adorabile e faccia un sacco di figli per allietare anche le generazioni future con il frutto del miscuglio dei loro geni.

Jess e Nick in New Girl nell'ascensore

Tra l’altro, essendo ormai delle fan scatenate della sit-com New Girl di cui la Deschanel è protagonista, siamo anche diventate shippers della coppia Jess-Nick (interpretati da Zooey e Jake M. Johnson), relazione che, causa matrimonio di lui, non può riproporsi anche nella vita reale, ma non fa niente, perché nella realtà c’è un solo uomo per Zooey e si chiama Joseph Gordon-Levitt.

Forza ragazzi, sposatevi e fate tanti pargoletti belli e simpatici come voi, tutte le comari del mondo ne sarebbero felici!

Tanti auguri,
le vostre Maria Jess e Maria Summer

Tom Hansen e Summer Finn nella mitica scena dell'ascensore canticchiando There Is A Light That Never Goes Out degli Smiths

Boicottiamo il Festival di Sanremo 2011

27 Gen
Abbiamo incominciato a parlare male del Festival di Sanremo 2011 appena abbiamo saputo ufficialmente il nome dei conduttori. Ne abbiamo dette di tutti i colori, però… vogliamo proprio insistere! Ci stanno talmente sulle palle tutti e cinque che non riusciamo a fare a meno di pregare notte e giorno affinché il Festival di quest’anno sia un insuccesso clamoroso. Abbiamo anche fondato un gruppo su Facebook (iscrivetevi qui).
Direte: ma almeno guardatelo prima di criticarlo. Assolutamente no, un festival con ‘sta gente qui non si deve proprio guardare, lo si deve BOICOTTARE, affinché la Rai capisca che i soldi che in questi giorni ci sta elemosinando per il canone (comportandosi peggio dei poveracci che si piazzano fuori dai supermercati) deve spenderli meglio.
Nel pezzo a cui facevamo riferimento prima, pubblicato sullo Stivale Bucato, parlavamo di “trionfo della cultura”, intesa come “cul-tura”, come dire, una sorta di “culto del culo”, perché sinceramente Elisabetta Canalis e Belén Rodriguez cosa diavolo hanno oltre quello?
Ora direte: ah ma siete invidiose! Assolutamente no! Non ci piacciono perché, come abbiamo già detto, gli esseri come quelle fanno fare duemila passi indietro a tutte le conquiste delle paladine del femminismo. Notoriamente, non sanno fare nulla, anche se durante il Festival gli autori faranno di tutto per dimostrare che sanno ballare, cantare e presentare (ahahahahah) e non piacciono nemmeno tanto al pubblico, visto che molti loro programmi sono stati dei flop. Piacciono solo ai segaioli e su Belén ne abbiamo la prova, viste le centinaia di migliaia di appassionati di onanismo che hanno guardato il nostro video-burla di un po’ di tempo fa (e gli indicibili insulti che ci siamo prese a causa della loro frustrazione).
Continuare a propinare in tv donne come quelle è un’offesa a tutte le altre donne, quelle che si fanno il mazzo dalla mattina alla sera per stare dietro ai figli o fare gli esami all’università o trovare un posto di lavoro decente.
Questo, diciamo, è il motivo serio per cui odiamo questo festival, ma ora vi facciamo un elenco di altri motivi.
1 – Da quando ha sposestato la Gialappa’s Band la Rai merita tutto il male possibile. (I Gialappi commenteranno quest’anno su Rtl 102.5)
2 – Una tripletta degli Amici di Maria De Filippi (2009 Marco Carta, 2010 Valerio Scanu, quest’anno partecipa Emma Marrone con i Modà) sarebbe meno sopportabile della triplete dell’Inter.
3 – La Canalis fa venire l’ansia quando parla. Qualcuno ricorda il Festivalbar condotto da lei? O quella trasmissione sui cani? Le tremava la voce: è umano, ma non dovrebbe succedere a chi di mestiere vuol fare la presentatrice e prende tanti soldi per farlo…
4 – Grandi ospiti stranieri? La Lavigne per i bimbiminkia e i Take That con Robbie Williams che però si son già visti mesi fa a X Factor… Ma per piacere!!! E De Niro perché viene? Per pubblicizzare il nuovo Manuale d’amore? Allora non ci dite che lo state pagando pure, dovrebbe pagare lui! Ma soprattutto De Niro che fa Manuale d’Amore?!? Ma questo merita un altro post…
5 – Il Festival di Sanremo è morto quando Luigi Tenco si è suicidato… indi per noi aspettare i 90 anni di una farsa è una cosa senza senso
6 – Roberto Vecchioni che canta Chiamami ancora amore sembra tanto una risposta a Federico Moccia della terza età!!!
7 – Se Giacomo Celentano non ha vinto il premio della critica e gli Elii non hanno vinto il Festival (truccato) anni orsono, questa competizione non merita la nostra attenzione.
8 – I fiori sul palco fanno cagare, ma com’è… nessuno dei partecipanti è allergico alle graminacee??
9 – Al Bano doveva smettere di cantare quando si è separato da Romina, mentre Patty Pravo ormai è talmente stirata che non riesce ad articolare e dunque non azzecca una nota nemmeno per sbaglio
10 – Caro Morandi, se a te piace mangiare la merda (non lo diciamo noi eh), non è detto che al resto degli italiani piaccia guardarla.
Con spirito distruttivo,
le vostre Maria Fabia e Maria Luciana

Adottiamo quest’uomo

15 Giu

Facciamo una petizione, adottiamo quest’omino qui, Jong Tae Se, attaccante ventiseienne della Corea del Nord. Ha pianto come un bambino durante l’inno prima della sfida col Brasile (persa molto dignitosamente) e ci ha fatto un’immensa tenerezza. Forse pensava al Capo del Mondo del suo Paese. Possibile che gli tenga la famiglia in ostaggio? Che abbia minacciato di ammazzargli i parenti se non fa almeno un gol? Cosa gli passava per la mente in quel momento? Purtroppo non lo possiamo sapere e sebbene questi poracci della Corea del Nord ci suscitino non poca preoccupazione per il modo in cui vivono, scopriamo che proprio l’uomo nella fotoa, Jong ecc ecc, appunto, gioca in una squadra giapponese, quindi è un privilegiato e forse è anche il motivo per cui può permettersi di piangere perché probabilmente quelli che devono tornare in Corea non possono fare neanche quello…

Save Mischa Barton!

11 Gen

Qualcuno faccia qualcosa… vi prego prima che sia troppo tardi, prima che questa donnina ci diventi una taglia 48! Qualcuno la fermi prima che addenti un’altra ciambella zozza o un altro cheeseburger, qualcuno salvi MARISSA ehm Misha Burton. Ormai da tempo l’ex icona di stile, l’ex attrice di O.C., l’ex attrice di The Beautiful Life, l’ex di quel tronco di pinès – prossimo compare patinato – Jamie Dornan, l’ex del cantante dei Kooks, l’ex testimonial di CK, di Neutrogena (ammesso e concesso che un brufolo abbia mai osato posarsi sulla pelle diafana della bella Mischa)… Lei, signore mie, va salvata. Lei che, per me e bradi, è l’unica donna che avrebbe potuto far diventare un autentico teddy boy quell’avanzo di galera di Ryan, lei che anche se così magra ci stava così simpatica. Lei che era si presentava a scuola con una borsa Chanel, il mercoledì, una Tod’s il giovedì e una Kelly tanto per gradire quando aveva gli esami di fine anno… Lei che si era fidanzato con un puzzone dal nome che evoca a la fille de poche un noto giocatore della sua Viola, lei che prima di conoscere i bassi fondi – pur sempre indossando la sua inseparabile borsa Bottega Veneta – aveva conosciuto l’ammore del surfista bambino Johnny (poi morto) e che prima si era lasciata andare a un bacio saffico corredato dalla colonna sonora più bella mai pensata per un telefilm negli ultimi sedici anni. Lei così hard to get, eppure così outgoing… Noi amavamo Marissa e come mezza rete abbiamo tentato di salvarla, ma non è servito a nulla è stata rimpiazzata dalla vocina annoying di Taylor, anche se ammettiamo che amavamo la coppia che lei formava con Ryan. Dopo aver tentato di salvare Marissa inutilmente, ci troviamo a tentare di salvare lei la vera Mischa, ingrassata è irriconoscibile, sembra ormai la copia fashionista di Reagan, la bimba dell’Esorcista, e sembrano passati anni luce da quando era un’icona di stile… Marissa, ti giuriamo questa volta… TI SALVEREMO!

Mischa, grassa in un modo assurdo

Mischa bella in un modo assurdo

E poi come dimenticare, il fatto di cronaca che ci ha reso orgogliose, il mugshot di Mischa:

Mischa, pericolosa in un modo assurdo

Adesso, bando alle ciaccie… è ora di salvarla!

Ecco Eve, the apple of my eye, best song ever placed in a tv series



La dimostrazione che Marissa si poteva salvare sulle note di Into Dust di Mazzy Star (ok è un pezzo della prima stagione, ma who cares)


Elegantemente e grassamente vostre,
Maria Marissa e Maria Mischa

Vogliamo Checco Zalone come giudice a X Factor

15 Ott

Checco Zalone giudice a X FactorSignore e signori diciamocelo: quest’anno i giudici di X Factor sono insopportabili quasi quanto i professori di Amici. E va bene, il programma defilippissimo non lo guardiamo più di cinque minuti, ma, a parte l’idiozia di far cantare o ballare per due tre volte la stessa cosa, il motivo per cui ce ne teniamo alla larga è proprio la lunghezza estrema delle liti. Lì se vuoi vedere qualcuno che canta (un paesano, come nel caso di bradipina) devi fare avanti e indietro col telecomando un milione di volte, finché non finiscono di litigare, e poi magari la canzone te la perdi perché dura un minutino… Bene, ditemi ora se anche a X Factor non sta succedendo la stessa cosa. CHE NOIA!!! Quante cacchio di volte dicono le stesse cose? Non se ne può più e tra l’altro ormai la trasmissione è Morganocentrica, c’è Morgan sempre e dovunque, anche i cantanti delle altre categorie hanno l’incubo di Morgan, si parla solo di lui, lui è X Factor, e considerato che ha il più bravo di tutti (Marco Mengoni) quasi di sicuro vincerà anche quest’anno. Quindi è come quando una squadra in campionato ha 20 punti di vantaggio già alla fine del girone d’andata: due palle!
E poi il Castoldi sta diventando insopportabile, troppo egocentrico. Lui dice che votano le ragazzine, perciò i Luana Biz non sono andati in ballottaggio prima della sesta puntata. Noi diciamo che sì, è vero che votano le ragazzine, ma votano per lui, per la sua squadra, perché Morgan alle ragazzine purtroppo piace e non si capisce come uno con la faccia da nano (con tutto rispetto) sia considerato bello. Potere della tv, quella tv che lui disprezza anche più della sua pallosissima collega Claudia Mori, che è più prugnosa di suo figlio… (e detto dalle commari la dice lunga).
E chi vuole farsi notare, tipo Carlo Pastore, che fa il pm al Processo a X Factor ed è sempre in studio anche il mercoledì sera al posto del nostro adorato Matteo Bordone, deve parlare di Morgan, delle sue scelte eccetera eccetera. Peraltro qualcuno dice che Pastore si voglia porre come l’Anti-Morgan, ma con quei suoi occhietti strizzati finisce sempre per leccargli il culo…
Comunque, in tutto questo ci dispiace soprattutto vedere la povera commare Mara Maionchi perdere pezzi di continuo. Dopo tre anni meriterebbe di vincerlo lei X Factor, o meglio, lo avrebbe dovuto vincere l’anno scorso con i Bastard sons of Dioniso che poracci sono arrivati secondi per 16 voti!
Alla noia di quest’anno però una soluzione potrebbe esserci e ve la proponiamo noi, come una delle nostre cause filantropiche: VOGLIAMO CHECCO ZALONE COME GIUDICE o al posto dell’inutile Mori o al posto dell’ormai insostenibile Morgan. Che poi, diciamocelo, Luca Medici, con il suo diploma al conservatorio, di musica ne capisce di sicuro e probabilmente ha venduto più dischi dei Bluvertigo. Pagheremmo per una lite tra lui e la Maionchi, quella sì che sarebbe da vedere. E non pensate che lo stiamo dicendo solo per scherzare, perché credete che Checco Zalone potrebbe essere semmai il giudice dei talenti incompresi. Siamo serissime! Lo vogliamo come giudice di una delle squadre vere o come super-giudice super partes. Vogliamo che vada lì a dare una svegliata a tutti, che assegni le canzoni, magari non semplici cover, ma alcune delle sue esilaranti parodie. Solo così X Factor può conquistare qualche punto in più di share, visto che gli spettatori latitano e ne hanno motivo, perché piuttosto che sopportarsi le lagne dei giudici, è meglio vedere le vaccate che gli autori di Chi ha incastrato Peter Pan fanno dire a quei bambini che, non ancora teen ager, sono già pronti a tutto per il successo.
Siamo pronte a lanciare una petizione, anzi, cercateci su facebook e aderite alla causa  CHECCO ZALONE COME GIUDICE A X FACTOR.

Gustatevi il suo ultimo capolavoro, La Canzone della D’Addario.

Maria Checca e Maria Teresa (in onore della commare Mannino).